Primo modulo - Celebrare

 

  • Mistero di Dio Uno e Trino

Obiettivo: La capacità di dimostrare la centralità della fede nel Dio uno e trino e la comprensione delle tensioni tra il mistero trinitario e il linguaggio della dottrina trinitaria.

Contenuti: La tracce trinitarie nell’Antico Testamento; La rivelazione della Trinità nella vita di Gesù e negli scritti del Nuovo Testamento; Il mistero pasquale come il culmine della rivelazione trinitaria; Il mistero trinitario nella Chiesa dei primi tre secoli; La controversia ariana e il Concilio di Nicea; I Padri Cappadoci e il Concilio di Costantinopoli I. 

 

  • Mistero di Cristo

Obiettivo: «Ma voi, chi dite che io sia?» (Mc 8,29). Il corso intende aiutare a rispondere a questa domanda.

Contenuti: All’inizio si presenterà l’impostazione del corso e si introdurrà alle problematiche odierne a riguardo. Poi si scoprirà come l’identità di Cristo e la sua azione salvifica si rivelano nella Scrittura. In seguito vedremo come il dato scritturistico sia stato interpretato lungo la Tradizione della Chiesa, con un accento sui primi sette concili ecumenici, particolarmente Efeso e Calcedonia. Infine si proporrà una riflessione sistematica sulla persona di Cristo, vero Dio e vero uomo, e sul suo ruolo di Salvatore del mondo, tenendo conto delle questioni attuali. 

 

  • Ecclesiologia e Mariologia

Obiettivo: Il corso di Ecclesiologia e Mariologia intende offrire allo studente un primo approccio alla realtà della Chiesa. 

Contenuti: Per raggiungere tale obiettivo svilupperà i contenuti della disciplina in tre parti: Storia: La Chiesa come soggetto storico; La Chiesa nel I millennio: il modello della communio; La Chiesa nel II millennio: il modello piramidale; La Chiesa del Vaticano II: la realtà una e complessa della Chiesa. Sacra Scrittura: La questione della fondazione della Chiesa; La Chiesa nel Nuovo Testamento: indagine e interpretazione dei testi; La Chiesa e Israele; La Chiesa nel mistero di Dio. Teologia: Perché la Chiesa: le dimensioni fondamentali della comunità di salvezza; Dov’è la Chiesa: il rapporto costitutivo tra Chiesa universale e Chiese particolari; Com’è la Chiesa: le strutture e le funzioni della comunità di salvezza alla luce dell’Eucarestia e della carità; Chi è la Chiesa: Maria, figura e modello della Chiesa.

 

  • Antropologia Teologica ed Escatologia

Obiettivo: "Che cosa è l’uomo perché te ne ricordi?". Questa domanda rimane quella del credente di ogni tempo. È partendo dalla rivelazione e di fronte al Creatore che il credente cerca di scoprire "chi è l’uomo" e quale è il senso della vita. Così può affrontare la domanda sul "perché il male?" nella complessità del mistero del peccato che segna la storia umana. Il credente può riflettere sul senso della vita alla luce della vocazione, ricevuta per creazione, a realizzarsi secondo l’immagine e la somiglianza di Dio. Il corso vuole, altresì, presentare l’escatologia non solo come una delle discipline della teologia sistematica, ma, sulla base del profondo rinnovamento del secolo XX, anche come una vera e propria prospettiva della teologia e della vita. 

 

  • Teologia Fondamentale

Obiettivo: La teologia fondamentale vuole mostrare in che modo la rivelazione cristiana è una proposta di senso teologica, storica e antropologica manifestando così la sua "credibilità" per l’uomo contemporaneo. Per ottenere questo scopo, nel corso verrà fornita un’ermeneutica: dell’essere umano aperto a credere alla rivelazione; della relazione tra fede e ragione; della credibilità come proposta di senso; della cristologia fondamentale come centro della teologia fondamentale; della ricerca presente sulla storia di Gesù di Nazaret e sulla sua risurrezione; e inoltre uno spunto sull’ecclesiologia fondamentale: la credibilità della Chiesa basata sulla testimonianza.

Contenuti: Il corso, prendendo come punto di riferimento i testi del Vaticano II, approfondisce il significato della rivelazione cristiana e della fede (DV 1-6). A partire dalla Rivelazione tratta dalla sua trasmissione nella chiesa attraverso la Scrittura e la Tradizione, approfondendo il loro significato così come la relazione tra di esse e la loro relazione con il Magistero che è al servizio della Parola (DV cap. II-III). Il corso dedicherà anche una parte per considerare la Parola nella vita e missione della Chiesa (DV cap. VI).

 

  • Introduzione alla Liturgia

Obiettivo: Il corso intende fornire alcuni principi essenziali di teologia liturgica senza tralasciare una breve panoramica storica dell’evoluzione del culto cristiano. Verranno presentati temi fondamentali che permetteranno agli studenti un primo approccio alla scienza liturgica e alcuni approfondimenti serviranno a comprendere meglio la prassi liturgica anche nei suoi risvolti ecclesiali.

Contenuti: Nozioni preliminari: la liturgia nel piano della salvezza. La natura della liturgia. Il culto cristiano nell’Antico e nel Nuovo Testamento. Nozioni fondamentali: panorama storico della liturgia secondo le epoche culturali. Nozioni di teologia liturgica: Il movimento liturgico e il suo influsso nella teologia liturgica. La liturgia e il Concilio Vaticano II: la Sacrosantum Concilium. La liturgia come celebrazione del Mistero pasquale di Cristo. La liturgia, esercizio del sacerdozio di Cristo. Il sacerdozio dei fedeli nel Concilio Vaticano II. La partecipazione dei fedeli alla liturgia: elementi essenziali. Il senso del celebrare. Il linguaggio liturgico: il significato del rito, del segno e del simbolo. L’assemblea liturgica. Varietà dei ruoli e dei ministeri nell’assemblea liturgica. Lo spazio liturgico. Il significato del tempo nella liturgia. Teologia dell’anno liturgico. I tempi dell’anno liturgico. La domenica. Il culto alla Vergine Maria e ai Santi.

 

  • Liturgia e Teologia Sacramentaria

Obiettivo: I sacramenti si possono comprendere nell’esperienza della fede celebrata come itinerario che rivela e introduce alla relazione con Dio secondo una prospettiva salvifica aperta nella storia e oltre la storia.

Contenuti: Il corso introdurrà la dimensione simbolica, illustrerà il valore dei segni e delle parole rituali nella lunga riflessione teologico-liturgica che ce li consegna (memoria e Tradizione). Presenterà i sacramenti dell’iniziazione secondo l’analisi teologica che ripercorre la grande strada delle tradizioni oranti in dialogo con gli apporti teologici e dottrinali, centrando sulla prospettiva mistagogica. Presenterà mistagogicamente i sacramenti dell’Ordine, dell’Unzione, del Matrimonio, della Riconciliazione, recuperando la lunga strada delle tradizioni oranti antiche, capaci di condurre, nello stesso tempo, alla fonte biblica e alla vita dei credenti, nel riflesso degli apporti teologici e dottrinali che ne hanno arricchito la comprensione fino ai nostri tempi.

 

  • Introduzione alla Teologia

Obiettivo: L’introduzione che intendiamo offrire si sviluppa come un’indagine intorno ai più rilevanti modelli teologici che si sono avvicendati nella storia secolare del pensiero credente. Lo scopo è quello di proporre agli studenti un quadro sintetico in cui collocare autori e temi, con i quali saranno chiamati a confrontarsi lungo tutto l’arco del loro cammino di formazione teologica.

Contenuti: Per quel che riguarda l’articolazione dei contenuti trattati, dopo la presentazione di alcuni paradigmi teologici dell’epoca patristica, lo sguardo cadrà sulla seconda scolastica e sull’inizio della modernità. Infine, l’attenzione verrà focalizzata sul ventesimo secolo e sulla tensione al rinnovamento che segna tanta parte del ‘900 teologico.

 

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza di navigazione. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.